Prodotto aggiunto al tuo carrello

Totale prodotti (Tasse incl.)
Totale spedizione (Tasse incl.) Da determinare
Totale (Tasse incl.)
Continua lo shoppingConcludi ordine

Come vestirsi per una passeggiata con le ciaspole?

Pubblicato: 29/01/2019 13:33:25
Categorie: Guide



Le ciaspole (o racchette da neve) sono un’attività che appassiona sempre più persone, non solo trekker abituali, ma anche chi si avvicina per la prima volta alle attività outdoor invernali.

Abbiamo già parlato delle ciaspole, di come sceglierle e come usarle in un altro articolo (leggilo qui). Oggi vediamo qual è l’abbigliamento migliore con cui affrontare una passeggiata con le racchette da neve.

Faccio con quello che ho.
Specialmente se si è neofiti, è forte la tentazione di affrontare l’uscita arrangiandosi con quel che si ha. Attenzione, perché le conseguenze potrebbero essere piuttosto spiacevoli. Vediamo insieme quali sarebbero le scelte più corrette per garantirsi un’uscita davvero confortevole e sicura.

Come sempre, l’ideale è vestirsi a strati.
Cominciamo con l’intimo, fondamentale per regolare il calore corporeo. Assolutamente sconsigliato usare la maglietta che si usa quotidianamente. Il cotone non ha alcuna proprietà termoregolatrice, quindi non ci aiuterà in nessun modo a mantenerci caldi, anzi, non essendo nemmeno in grado di eliminare l’umidità, ci farà ritrovare sudati e bagnati, sensazione quanto meno spiacevole.  La scelta giusta è un intimo tecnico, sintetico o in lana merino, che essendo traspirante ci aiuta nella gestione dell’umidità spingendola verso l’esterno e asciugando in fretta.

Sopra l’intimo dobbiamo mettere uno strato termico. La scelta della “pesantezza” è da valutare in base a due fattori: la percezione personale del freddo e l’intensità dell’attività che ci accingiamo ad affrontare. Lasciamo nel cassetto i maglioni di lana e scegliamo un pile traspirante, con tessuto elasticizzato che ci regala libertà di movimento. Ne esistono di più caldi, consigliati per chi soffre molto il freddo o per l’attività meno intensa e di più leggeri, adatti a chi sviluppa molto calore o quando si prevede di affrontare un’attività più blanda. 

Il pantalone dovrà garantirci il giusto calore e, preferibilmente, anche impermeabilità (a cui possiamo però rinunciare indossando le ghette, di cui parleremo in seguito). Non scegliamo un pantalone da sci, perché l’imbottitura, oltre al troppo calore, è anche ingombrante e, per una passeggiata con le ciaspole, è importante sentirsi liberi e agili nei movimenti. Un pantalone da trekking invernale andrà benissimo.

Dicevamo delle ghette. Le ghette ci eviteranno di bagnare la parte inferiore della gamba, di far entrare neve negli scarponi e, quindi, di bagnare i piedi e ci proteggeranno da eventuali strappi ai pantaloni in caso di rovi. Per sapere come sceglierle leggi qui.

In buone condizioni meteo, sopra al pile, potrà bastare un buon antivento, che ci farà muovere meglio e sudare meno. Nello zaino però è sempre bene portare anche una giacca impermeabile (hard-shell), per avere la giusta protezione in caso di nevicata o vento molto forte.

 La giusta attenzione ai piedi.
Per camminare con le ciaspole non sono necessari scarponi specifici, vanno bene gli scarponi da trekking. Meglio sceglierli alti, per maggior protezione da eventuali movimenti errati e dall’ingresso della neve, con un buon isolamento termico e, naturalmente, impermeabili.

La calza può essere sintetica o in merino, a seconda della preferenza personale, l’importante   è che sia una calza tecnica, studiata in modo specifico per il trekking invernale, perché ci eviterà fastidiose vesciche e ci garantirà calore, aumentando il comfort della camminata. Portare un paio di calze di scorta nello zaino potrà rivelarsi un’ottima scelta.

Attenzione alla dispersione termica.
La testa è il punto del corpo che ha la maggiore dispersione termica. Quando partiamo per la ciaspolata è bene proteggerla con una berretta o una fascia, che potremo poi rimuovere quando inizieremo a sudare. I guanti posso essere più leggeri e aderenti di quelli da sci, perché le braccia vengono usate di più in una ciaspolata che in una sciata, sviluppando più calore.

Condividi questo articolo

megafono

RECENSIONI

Premiato con il certificato
d'oro eKomi.

regalo.png

CAMBIARE IDEA È FACILE

Fino a 30 giorni
per effettuare il reso

regalo.png

RESO FACILE

Ritiriamo il tuo reso
dove vuoi tu!

regalo.png

HAI QUALCHE DUBBIO?

Il servizio clienti è sempre
a tua disposizione.
Contattaci!